La nostra recensione del libro “La vedova di Neoneli” di Ryan Gattis

“La vedova di Neoneli” esempio di marketing territoriale

Si può fare marketing territoriale in Sardegna utilizzando la letteratura e coinvolgendo degli autori stranieri? È questa la scommessa del Comune di Neoneli che, con la collana curata dallo scrittore Nicola Lecca, si apre al mondo attraverso un nuovo racconto breve in due lingue. Italiano da un verso, e inglese dall’altro: con una doppia copertina che varia solo nel titolo e ritrae una donna nell’atto di impastare il pane. In realtà “La vedova di Neoneli” o “The widow of Neoneli”, è il terzo volume della serie dedicata al piccolo Comune in Provincia di Oristano. Segue “Neoneli” di Nicola Lecca pubblicato nel 2014, e ancora “Neoneli” di Emilie Miller del 2016.

Copertina del libro "La vedova di Neoneli" di Ryan Gattis
Prima e o quarta? La copertina del libro in italiano e inglese

Ho avuto il piacere di partecipare personalmente alla presentazione tenuta in occasione di Licanìas, il “Festival di leccornie culturali” che quest’anno si è tenuto a Neoneli dal 4 al 7 di ottobre, e ne sono rimasto colpito. Affascinato dalle suggestive letture di Michela Atzeni, intervallate dal racconto del progetto editoriale di Nicola Lecca, e accompagnate dal violino di Gianbattista Longu nella splendida cornice di Casa Cherchi.

La presentazione del libro al Festival Licanìas di Neoneli
La presentazione del libro al Festival Licanìas di Neoneli

Il racconto di Ryan Gattis

Leggendo l’opera si viene catapultati in una Sardegna genuina, descritta con le parole di Drew, cuoco californiano che decide di trasferirsi a Neoneli per superare un periodo difficile della sua vita. Alle sue si alternano le parole di Annica, una giovane madre rimasta vedova. Questa dualità, scandita dagli splendidi paesaggi e dal racconto di alcune specialità gastronomiche del territorio, esprime in maniera efficace il rapporto tra l’isola e il resto del mondo.  Un rapporto che molto spesso è di chiusura e diffidenza nei confronti di qualcosa, o qualcuno, che attraverso il dialogo può invece rivelarsi la chiave per una svolta.

Neoneli città del vino, tra Sardegna e America

E l’esempio emblematico arriva dalle radici della vite. Neoneli, città del vino, vive nell’innesto tra Sardegna e America. Lo descrive bene Drew, quando visita le vigne con il signor Sau:

Nella vigna di suo fratello decide di insegnarmi qualcosa sulle radici. Ne taglia una da cui spuntano due piante. Una è europea. La taglia via. È morta.

“Secca” dice.

L’altra sembra a posto. “Americana” aggiunge.

“Americana?”

“Si” ripete. “Dall’America.”

[…]

Dunque la vite innestata è europea e le radici sono americane. Si fa così perché gli insetti mangiano le radici europee ma non danneggiano quelle americane. La diversità diventa forza. È l’unico modo per fare del vino da queste parti. Le viti americane ed europee devono lavorare insieme in modo basilare, elementare. Devono diventare un tutt’uno. Senza questo lavoro di squadra in Sardegna l’uva non crescerebbe.

Complimenti a Ryan Gattis per il racconto, e a Nicola Lecca per il progetto editoriale sviluppato con il Comune di Neoneli.

Per i soci di Mare Calmo il volume è disponibile in prestito su richiesta dalla biblioteca dell’Associazione. Per tutti gli altri il consiglio è di contattare direttamente il Comune di Neoneli: info@comune.neoneli.or.it.

Se conoscete altre opere che raccontano in maniera coinvolgente e innovativa i territori della Sardegna, vi invitiamo a segnalarcelo nei commenti. Ci farebbe piacere leggerle, e parlarne qui sul blog. Buona lettura!


Hai trovato interessante questa recensione? Supportaci diventando socio di Mare Calmo! Tra gli altri vantaggi avrai accesso al prestito di tutti i volumi presenti nella nostra biblioteca.

Tessera associativa 2018

Supporta e partecipa a Mare Calmo con la tessera associativa affinché le nostre attività vadano avanti, crescano e migliorino.

L'Autore

client-photo-1
Marco Esposito
Presidente di Mare Calmo. Mi occupo di management, comunicazione e cultura. La conoscenza è libertà, e io lavoro per questo.

Commenti

Rosita
18 novembre 2018
Davvero molto interessante e originale. Grazie!
29 novembre 2018
Prego Rosita, è un piacere avere lettrici come te così attente. Un caro saluto :)

Lascia un commento

*