Alla scoperta della Tharros nuragica con Murru Mannu

Uno degli aspetti meno conosciuti dell’attuale sito di Tharros, e che approfondiremo nella nostra prossima visita guidata, è certamente quello risalente al periodo nuragico con il sito di Murru Mannu.

Panorama Muru Mannu
Panorama di Tharros da Murru Mannu

Millenni fa infatti, prima dell’arrivo dei fenici e dei romani, nel punto più alto dell’attuale area archeologica svettava un nuraghe circondato da un villaggio e protetto da un’imponente muraglia che dà il nome alla zona di “Murru Mannu”.

Il nuraghe, il villaggio e la muraglia di Murru Mannu

I resti delle imponenti costruzioni sono visitabili risalendo il promontorio solcato dal “Cardo Maximus” poco dopo la biglietteria, sulla sinistra. Arrivati in cima è possibile individuare le capanne e la grande muraglia, rimaneggiata e sfruttata successivamente da altre popolazioni, ma le cui origini risalgono all’età del bronzo medio (XIV a.C. circa).

Capanne nuragiche Muru Mannu
Le capanne nuragiche di Murru Mannu

Murru Mannu gode di una vista strategica sul golfo di Oristano e su tutta la penisola del Sinis. Ora sappiamo che in in quel periodo, soprattutto dal XIII a.C., la zona compresa fra le pendici di Montiferru e l’isola di Mal di Ventre era intensamente popolata da nuraghi, oltre 100 per la precisione con una densità di almeno 2 per km2.

I principali siti nuragici nelle vicinanze

Un sito probabilmente contemporaneo all’area di Murru Mannu è quello di Sa Osa, nella parte più a est del golfo, conosciuto per i resti di vari semi (vernaccia, melone, prugnolo) e di fauna. Tutto materiale che sta aiutando gli archeologi a capire meglio da cosa era composta l’alimentazione in epoca nuragica. A circa 10km inoltre sorge la necropoli di Mont’e Prama, vicina allo stagno di Cabras, e sull’unica via naturale di collegamento alle saline di Capo Mannu e ai giacimenti metalliferi di Montiferru.


Volete saperne di più sui Nuragici e Tharros? Iscrivetevi alla nostra prossima visita guidata!

Storia

Visitare Oristano alla scoperta dell'antica tradizione ceramica dei figoli

La tradizione ceramica dei figoli di Oristano risale almeno al XV secolo, ma ha radici ben più antiche. Le ricostruiremo
Facile
3 ore
Centro storico

 

L'Autore

client-photo-1
Marco Esposito
Presidente di Mare Calmo. Mi occupo di marketing, comunicazione e cultura. La conoscenza è libertà, e io lavoro per questo.

Commenti

Lascia un commento

*