“GRATO” è arrivato 6° con 64 voti, cosa succede adesso?

Disculpa, pero esta entrada está disponible sólo en italiano. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Lunedì 16 luglio si sono chiuse le votazioni per il primo Bilancio Partecipato del Comune di Oristano. Aspettavamo lo spoglio e l’ufficialità da parte dell’Amministrazione, per comunicarvi i risultati definitivi che purtroppo non sembrano premiare il nostro progetto “GRATO” dedicato all’apertura e valorizzazione culturale della Gran Torre, nella borgata marina di Torregrande. “GRATO” infatti è arrivato con 64 preferenze e ci teniamo a farvi sapere che le consideriamo comunque un importante risultato. Ringraziamo di cuore chi ci ha sostenuto sia con il suo voto che con il passaparola.

Ecco la classifica con il conteggio delle preferenze e i finanziamenti richiesti:

  1. “Centro del Riuso”, finanziamento richiesto 20.000 €, 115 preferenze
  2. “Rock in Contea”, finanziamento richiesto 3.000 €, 108 preferenze
  3. “Giornata ecologica a Silì”, finanziamento richiesto 4.000 €, 90 preferenze
  4. “Piazza della condivisione”, finanziamento richiesto 48.000 €, 88 preferenze
  5. “Oristano Giudicale”, finanziamento richiesto 30.000 €, 83 preferenze
  6. “GRATO”, finanziamento richiesto 15.000 €, 64 preferenze
  7. “Museo delle Clarisse”, finanziamento richiesto 10.000 €, 45 preferenze
  8. “Oristano-Esterzili: cantiamo Vivaldi due cori una voce”, finanziamento richiesto 4000 €, 36 preferenze
  9. “Verde è bello”, finanziamento richiesto 14.000 €, 29 preferenze
  10. “Baby Pit Stop”, finanziamento richiesto 2.700 €, 26 preferenze
  11. “Nuraghes – Moneta Comunale”, progetto senza importo, 17 preferenze
  12. “Imparare il rispetto e la parità giocando”, finanziamento richiesto 5000 €, 7 preferenze

Ma cosa succede adesso? In effetti non è ancora detta l’ultima parola sulle possibilità di finanziamento del nostro progetto dedicato alla Gran Torre.

Sul sito del Comune infatti leggiamo:

Nei prossimi giorni la Commissione comunale si riunirà nuovamente per definire la graduatoria dei progetti finanziabili che dovrà necessariamente conto delle risorse disponibili (100 mila euro, di cui 80 mila per spese di investimento e 20 mila per spese correnti) e dell’importo necessario per ogni progetto. Entro fine luglio sarà pubblicata la graduatoria delle proposte preferite.

Sommando l’importo relativo ai finanziamenti richiesti dai primi 5 progetti, si ottiene un totale di 105.000 € a fronte di una disponibilità di 100.000 € prevista dall’attuale Bilancio Partecipato. Se dunque uno o più dei primi 5 progetti fosse giudicato non finanziabile dalla Commissione, per esempio per motivi tecnici o burocratici, “GRATO” potrebbe essere tenuto in considerazione per un possibile finanziamento.

Rimaniamo dunque in attesa della definitiva graduatoria delle proposte preferite, che dovrebbe essere pubblicata dall’Amministrazione Comunale entro la fine di luglio.

Altro aspetto che ci sembra importante chiarire in questa fase: Ma se “GRATO” non verrà finanziato da questo Bilancio Partecipato, cosa succederà?

Ci teniamo che la risposta sia inequivocabile: tutte le attività e le iniziative che Mare Calmo ha realizzato durante il suo primo anno di attività sono state sempre auto-finanziate tramite il contributo di soci e sostenitori. Intendiamo dunque portare avanti il progetto “GRATO” al di là delle possibilità di finanziamento offerte dal Bilancio Partecipato del Comune di Oristano. L’opera di divulgazione e valorizzazione della Gran Torre dunque proseguirà al meglio delle nostre possibilità: organizzando nuove attività, dialogando con tutte le Amministrazioni coinvolte nella gestione e tutela di questo importante bene culturale, e valutando con attenzione altri canali di finanziamento.

Continuate a seguirci, perché abbiamo e avremo bisogno di tutta la vostra attenzione e il vostro supporto. Grazie!

El Autor

client-photo-1
Marco Esposito
Presidente di Mare Calmo. Mi occupo di marketing, comunicazione e cultura. La conoscenza è libertà, e io lavoro per questo.

Comentarios

Deja un comentario

*