Facile
Difficoltà
4 ore
Durata
Sito di S’Abba Druche
Visita all'aperto
Museo delle Conce
Visita al chiuso

Stiamo programmando la prossima visita guidata.
Vuoi suggerire una data? Hai bisogno di una guida? Contattaci!


Visitare Bosa dall’area archeologica di S’Abba Druche al Museo delle Conce ci permetterà di conoscere la storia degli antichi insediamenti e delle varie attività produttive che si sono sviluppate nel corso dei secoli in questo territorio.
La visita guidata inizierà dal complesso di S’Abba Druche, vicino al mare, a pochi chilometri a nord di Bosa. Dalla precedente presenza nuragica, testimoniata dal nuraghe, dal pozzo e  dalla tomba dei giganti, passeremo all’epoca romana con il complesso abitativo, artigianale e funerario studiato dagli archeologi negli anni ’90 del 1900. Le sue antiche vasche ci permetteranno di introdurre il tema della lavorazione delle pelli e della vinificazione, due tra le attività produttive tradizionali di questa zona. Dell’attuale processo di produzione del vino, e della Malvasia in particolare, parleremo poi presso la Cantina Giovanni Battista Columbu che ci ospiterà con una speciale degustazione. Qui il capostipite, di origini barbaricine, si prodigò a partire dagli anni ’60 del 1900 per preservare le tecniche tradizionali della produzione della Malvasia bosana. Così, nel 1972, il vino malvasia di Bosa fu tra i primi in Italia ad essere iscritto nell’albo dei vini D.O.C. Dopo la pausa pranzo, visiteremo poi il Museo delle Conce dove approfondiremo la storia dell’attività conciaria proprio all’interno di un’antica conceria restaurata. Tale produzione, attestata già nel 1600, divenne particolarmente florida nel 1800 e si protrasse fino agli anni ’60 del XX secolo.

La visita alla Cantina Giovanni Battista Columbu terminerà con una degustazione composta da:

  1. Malvasia di Bosa D.O.C. RISERVA 2011 G. B. Columbu
    Un calice di Malvasia di Bosa (bicchiere da degustazione) accompagnato da pecorino stagionato di agricoltura biologica e pane carasau di Ovodda cotto a legna.
  2. Alvarega Malvasia di Bosa D.O.C.
    Un calice di Alvarega (bicchiere da degustazione) accompagnato da ricotta affumicata con miele di asfodelo e pane carasau di Ovodda cotto a legna.

Obiettivi

In questa visita potremo:

  1. Collocare Bosa nel tempo e nello spazio;
  2. conoscere le testimonianze del periodo nuragico e romano di S’Abba Druche;
  3. ricostruire la storia della vinificazione nel territorio;
  4. degustare la tipica Malvasia di Bosa D.O.C.;
  5. ricostruire la storia dell’attività conciaria nella zona.

Luogo e orario d’incontro

La visita si svolgerà a Bosa domenica 24 settembre dalle 10:00 alle 16:00. L’appuntamento è nell’area parcheggio in Viale Alghero, 58  (Coordinate: 40.29709, 8.48542). Visiteremo il sito di S’Abba Druche per circa un’ora, poi proseguiremo per la visita e la degustazione alla Cantina Giovanni Battista Columbu. Dopopranzo ci recheremo al Museo delle Conce

Itinerario

  1. Punto di incontro: area parcheggio in Viale Alghero, 58, Bosa
  2. S’Abba Druche
  3. Cantina Giovanni Battista Columbu
  4. Museo delle Conce

Costo

Per i soci la visita avrà un costo di 10€. I nuovi soci pagheranno solo il tesseramento: 10€. La tessera di Mare Calmo, valida per 1 anno, dà diritto a un’attività gratuita al mese. L’accesso all’area archeologica di S’Abba Druche è gratuito. La visita e la degustazione presso la Cantina Giovanni Battista Columbu si pagano a parte (10€). Il biglietto d’accesso al Museo delle Conce si paga a parte (3.50€). Possibili sconti per gruppi o fasce d’età.

Prenotazione

Per partecipare all’evento è necessario compilare il modulo di prenotazione sul sito www.marecalmo.org, oppure inviare una mail all’indirizzo info@marecalmo.org, o ancora chiamare o inviare un sms al numero (0039) 3407104957 indicando il numero di partecipanti, i dati anagrafici (carta d’identità e codice fiscale) di ognuno e un recapito telefonico. I posti sono limitati!

Indicazioni pratiche

È consigliato munirsi di abbigliamento adatto per escursioni (tuta o jeans, scarpe per camminata, ecc.) e una bottiglia d’acqua.