La nostra recensione del libro di Voes: “Patrimonio a lunga esposizione. L’età nuragica.”

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Cari lettori, siamo felici di inaugurare oggi questa nuova rubrica dedicata alle recensioni di opere che riteniamo importante segnalarvi per la rilevanza culturale, l’approccio innovativo o anche solo per ciò che rappresentano nel panorama della valorizzazione del patrimonio archeologico e culturale della Sardegna.

E siamo fieri di iniziare con “Patrimonio a lunga esposizione: L’età Nuragica”, pubblicato qualche mese fa da Arkadia Editore nella collana “Itinera 16”. Si tratta del primo volume di quella che ci auguriamo sia una lunga serie di pubblicazioni curate dall’Associazione Culturale Voes di Olbia. L’intento è portare una maggiore attenzione sul tema della valorizzazione del patrimonio storico-culturale (in particolare quello abbandonato o poco conosciuto) della Sardegna, attraverso quello che nella prefazione è chiamato “il difficile e complesso compito della promozione digitale”.

Ovviamente condividiamo in pieno l’obbiettivo di Voes, e il 1° luglio a Oristano eravamo presenti all’interessante presentazione del volume alla quale è stato invitato a parlare anche l’archeologo Prof. Alfonso Stiglitz.

La recensione

Ma parliamo del libro, che graficamente si presenta molto bene con una copertina patinata e foto del nuraghe Adoni, mentre sul retro compare il nuraghe San Giorgio. Già a prima vista si intuisce dunque il contenuto dell’opera, incentrata sulla fotografia dei siti archeologici con la particolare tecnica della lunga esposizione.

Sfogliando le 110 pagine si susseguono scatti davvero suggestivi, quasi tutti in notturna o al crepuscolo, spesso realizzati avventurandosi in luoghi della Sardegna poco noti e ancora meno accessibili. È il risultato di una ricerca durata 1 anno, e corredata dai testi della Dott.ssa Fabiola Atzori. Lodevole dunque sia il lavoro sul campo che l’attenzione per la documentazione storica e scientifica dei contenuti del volume, che per questo si presta davvero bene all’opera di divulgazione e valorizzazione.

Gregge di pecore dal backstage del volume "Patrimonio a lunga esposizione. L'età nuragica." di Voes
Foto dal backstage del libro

Unica pecca: il formato quadrato, che in alcuni casi sacrifica le foto a causa della rilegatura. Ma sappiamo che gli autori hanno già in mente una versione digitale, e vista la qualità delle foto non vediamo l’ora di poterla navigare. Nel frattempo ci invitano a visitare la loro pagina Facebook, dove pubblicano alcuni dei migliori scatti: https://www.facebook.com/pg/associazionevoes/photos/

Se vi interessa acquistarlo, il prezzo del volume è 25 € (attualmente scontato a 21,25 € su Amazon).

Vi lasciamo con un breve video in cui il fotografo Fabio Serra ci racconta uno degli obbiettivi dell’opera.

About Author

client-photo-1
Marco Esposito
Presidente di Mare Calmo. Mi occupo di marketing, comunicazione e cultura. La conoscenza è libertà, e io lavoro per questo.

Comments

Leave a Reply

*